TRAMONTO

TRAMONTO
LE PRIME IMMAGINI DI PRIMAVERA AL PARCO NORD

lunedì 30 novembre 2009

lunedì 23 novembre 2009

MUSICA DAL CORO SAT


Oggi ho pensato visto il tema che tratto solitamente, che sarebbe magari il caso di ricordare una canzone che senz'altro tutti noi, nessuno escluso, ha cantato durante una gita per recarsi in montagna con un pullman.(Ai tempi si usava molto).
Perciò detto fatto ecco un'altra cosa da non dimenticare.
Ai nostalgici.... buon ascolto.


domenica 22 novembre 2009

MONTAGNA FIORITA - LE TERRE ALTE

Scala le montagne e ascolta la loro buona novella.
La pace della natura scorrerà in te come la luce del sole scorre negli alberi.
I venti soffieranno in te la loro freschezza e le tempeste la loro energia mentre le preoccupazioni cadranno come le foglie d'autunno.

JOHN MUIR

Con questa premessa inizia la prefazione del bellissimo libro della montagna scritto da Carlo Grande "TERRE ALTE".
Già la splendida prefazione varrebbe il costo del volume.
Questo autore ha avuto la capacità di riuscire a tradurre in parole le molteplici sensazioni e le motivazioni che inducono un individuo ad amare le montagne.
Forse si capirà meglio se introduco un breve stralcio della lunga prefazione.

"Una delle vie maestre, la più faticosa e feconda, è quella che conduce alle terre alte.Guai a perdere il bene della montagna e della natura. volgere le spalle alla sua verità profonda.E' fatta di bellezza, di fatica, di solitudine e silenzio: valori poco alla moda.che aiutano a vivere.Il vero isolamento. quello che ci fa sentire soli, non è una condizione fisica, è uno stato morale.E'rimanere fra gente insulsa e compiere azioni insignificanti, è produrre cose inutili che mortificano la nostra vita e la svuotano di senso.
La montagna, in tempi di carestia fisica (di aria, di acqua, di terra) e spirituale (etica ed estetica), è una delle risorse per salvare il pianeta e le speranze dell'uomo.Frequentare la natura e le terre alte è un modo fondamentale per ritrovare dignità, poesia, contemplazione, senso dell'eroismo.Ciò che di buono, insomma, si agita di tanto in tanto nel nostro animo."


E questa è solo una minima parte di ciò che sarebbe utile segnalare di quel libro nel quale ritrovo in ogni frase la condivisione delle mie riflessioni.

Beh! Torniamo a noi, posterò le immagini col metodo dell'Album, perciò cliccare sull'icona e quando si apre la finestra, scegliere SLIDESHOW. Poi premere F11 per la visualizzazione a schermo intero, e per finire temporizzare su 5 secondi.
Per chi..... buona visione.


MONTAGNA FIORITA - SEMPRE PIU SU

mercoledì 18 novembre 2009

MUSICA DA LIONEL RICHIE



Altro grande interprete di brani celebri, risentirli è sempre un piacere.
Sempre per non dimenticare...........
Buon ascolto


GENZIANE E ALTRI FIORI PROTETTI


Proseguiamo dal post precedente.
Allora, qui siamo duecento metri sopra, cioè a 1800 metri e il panorama floreale cambia per tipologia di fiori.
A parte il fatto che ancora si intravvedono piccoli punti innevati, si può notare che a fasce di differenti altitudini, la flora cambia rapidamente.
La stessa erba che è l'espressione più elementare diventa più bassa, robusta e pungente, i fiori invece, a parte i rododendri che troveremo anche ad altitudini sopra i 2.000, sono altri e tra questi le bellissime genziane, che in quei prati non sono poi così rare.
Per chi come il sottoscritto, non è abituato a vedere questi luoghi in quel particolare periodo, vi assicuro che la cosa risulta veramente spettacolare.
Le foto sono postate col sistema dell'album, perciò come sempre, ricordo di cliccare sull'icona e all'apertura della finestra scegliere l'opzione SLIDESHOW.
Poi premere F11 per la visualizzazione a schermo intero e temporizzare su 5 secondi.

Se lo volete ...buona visione



GENZIANE E ALTRI FIORI TUTELATI

lunedì 16 novembre 2009

MUSICA DA SANTO & JOHNNY


Ritorno a questo complesso ai tempi molto noto per proporre una versione Jazz del brano Summertime.
Per non dimenticare... anzi per ricordare cose che ci piacciono.
Per chi lo gradisce... buon ascolto.


RODODENDRI E MAGGIOCIONDOLI SOPRA VALCANALE



Con questo post continuo il percorso iniziato col post precedente.
Dopo essere salito per un'ora sino a raggiungere il Rifugio dell'Alpe Corte, ci si inerpica per un'altra ora sino a raggiungere le prime Baite Alte a circa 1.600 metri d'altitudine.Non molti direte, ma se si parte da 1.000 metri il dislivello per chi inizia a muoversi dopo la città non è poi trascurabile, considerando poi che il cammino non finisce qui.
Il tutto per dire in questa seconda parte del tragitto che nella terza del prossimo post mi porterà vicino ai laghi Gemelli, che non raggiungerò per il maltempo, almeno in questa circostanza.
Sono particolarmente legato a queste immagini, perchè rivedendole rivivo perfettamente le sensazioni provate nello scoprire questa bellissima zona coperta di Rododendri e Maggiociondoli in simbiosi di forme e colori pressochè perfetta quasi che la natura riuscisse a calibrare le tonalità in modo ineccepibile.
La spiegazione forse sta nel fatto che noi gente di città non siamo troppo abituati ad ammirare questa natura che per fortuna risulta certamente ancora incontaminata.
Forse perchè mi piace osservare i dettagli per via della fotografia, ma il trovarmi immerso nel silenzio in questo sensazionale amalgama di colori e forme, dove persino l'erba sembrava avere un significato estetico particolare,mi sono sentito gratificato come se avessi ricevuto un dono inestimabile.
Spero con queste foto di essere riuscito a tradurre in immagini le suddette sensazioni.
Il metodo è quello dell'Album, perciò come al solito, cliccare sull'icona e all'apertura della finestra scegliere SLIDESHOW e premere F11 per la visualizzazione a schermo intero che risulterà più gradevole.Possibilmente temporizzare su 5 secondi.




RODODENDRI E MAGGIOCIONDOLI SOPRA VALCANALE

venerdì 13 novembre 2009

MUSICA DAI VENTURES

Questo brano è stato interpretato dai più noti gruppi musicali con esecuzioni sia vocali o solo strumentali.
Poichè il pezzo si presta particolarmente alla sola versione strumentale, ho scelto questa opzione.
Senza scordare che gli esecutori sono considerati la migliore Band strumentale di tutti i tempi, e che il brano sembra provenire da una canzone folk americana datata meta' ottocento.
Sempre... per non dimenticare.
Buon ascolto



lunedì 9 novembre 2009

FIORI IN VALCANALE - SOPRA ALPE CORTE


Fotografie riferite al periodo di Giugno.
Quest'anno la primavera è durata più del solito perciò siamo riusciti a vedere quei fiori che in altri anni nello stesso periodo non riuscivamo mai a visionare.
Queste sono le prime uscite con l'intento di affrontare le salite non difficoltose, ma con tempi di qualche ora d'impegno.
Nelle zone sopra i 1500 metri d'altitudine in questo periodo i prati sono caratterizzati da un tipo di erba piuttosto bassa, perciò i fiori vengono evidenziati maggiormente.In questa zona il maggiociondolo (albero con fusto sottile e fiori a grappolo gialli del tipo glicine) è veramente spettacolare per il tipo di fiore e per la copiosissima diffusione.
Per poter trasmettere le sensazioni dell'immagine che si gode a 360 gradi bisognerebbe usare un sistema tipo Cinerama, perciò la foto risulta piuttosto riduttiva.
Questa è la prima parte delle immagini viste durante l'ascensione di quel giorno, la seconda parte verrà inserita nel prossimo post.
Il metodo impiegato è quello dell'Album, perciò ricordo che per visionarlo bisogna cliccare sull'immagine, poi quando si apre la finestra scegliere SLIDESHOW.
Per migliorare la visione cliccare sul tasto F11 che attiva l'opzione schermo intero e temporizzare sui 5 secondi per ottimizzare la messa a fuoco.
Sono piccoli dettagli che indubbiamente rendono la visione più gradevole.
A chi lo desidera.......... buona visione.




VALCANALE - SOPRA ALPE CORTE